Blumine srl è lieta di comunicare che il libro ‘Neomateriali  nell’economia circolare. Moda’ edito da Edizioni Ambiente è da alcuni giorni acquistabile  nelle librerie nelle versioni italiana e inglese.

Si tratta di un volume di 240 pagine denso di fotografie curato da Marco Ricchetti in collaborazione con Blumine srl  e il sociale network della moda sostenibile Sustainability-lab.

Partendo dall’analisi dei materiali distinti in tre grandi aree (materiali rinnovabili, non rinnovabili e da riciclo),   affronta il tema della sostenibilità delle diverse fibre, l’utilizzo dell’acqua, le sostanze chimiche  e si conclude con una panoramica delle iniziative condotte dai marchi, grandi e piccoli, in tema di sostenibilità.

‘E’ una soddisfazione essere stati scelti da una casa editrice prestigiosa e competente in tematiche ecologiche come Edizioni Ambiente per progettare e elaborare un volume sul tessile sostenibile –ha dichiarato il curatore dell’opera e co fondatore di Blumine Marco Ricchetti- La scelta di dedicare un volume ai materiali per la moda dimostra quanto questa industria abbia acquistato peso nel dibattito tra gli stakeholder sullo sviluppo sostenibile.  Il taglio del volume è divulgativo, pensato per una piacevole lettura e una facile consultazione. I vari argomenti sono introdotti da un capitolo tecnico che fornisce informazioni  sulla tipologia delle varie famiglie di materiali, la loro evoluzione storica, i contesti d’uso e soprattutto le criticità ambientali dovuta alla loro produzione e lavorazione. A seguire sono presentati case histories che illustrano attraverso le strategie e i prodotti di un selezionato gruppo di imprese come i vari materiali siano oggetto di sperimentazioni e studi finalizzati a ridurne l’impatto ambientale. Il tutto senza pregiudizi ma fornendo per ogni fibra argomenti che ne evidenzino gli ambiti di miglioramento ambientale’.

‘Definire il grado di sostenibilità di un materiale non è facile perché tanti sono i fattori che vi contribuiscono: dalle tecniche di coltivazione delle fibre vegetali agli agenti chimici utilizzati nella produzione dei polimeri, ed è quindi facile tendere a  considerare più green le  fibre a cui siamo più affezionati –commenta Aurora Magni, coautore e presidente di Blumine- In realtà nella fase di ricerca preliminare alla stesura del libro ci siamo imbattuti in una mole di dati che aiutano a descrivere in modo oggettivo le fibre tessili perché ne evidenziano la relazione con l’ambientale e che abbiamo sintetizzato per offrire al lettore uno scenario più completo possibile. Consideriamo questo volume come la fotografia di uno scenario in evoluzione grazie alla  ricerca in particolare chimica e agli strumenti di analisi del ciclo di vita dei prodotti. In altre parole siamo sicuri che tra qualche anno avremo a disposizione  materiali nuovi e vecchi più sicuri e meno impattanti’.

A quali lettori avete pensato nel progettare il volume?

‘Il libro ha taglio scientifico e documentale –precisa Ricchetti- e le informazioni rimandano a fonti e referenze qualificate. Ma, giuro, non è noioso. Può essere letto sia da stilisti che da tecnici, eco designer e manager ma anche da consumatori che vogliono capire cosa stanno comprando e indossando. La voce delle imprese offre poi motivo di riflessione per chi pensa che la manifattura italiana sia matura e poco innovativa. Per questo è una lettura che consiglierei anche a giornalisti ed economisti’.

Ecco  l’indice del volume che meglio di molte parole ne descrive i contenuti:

Neomateriali  nell’economia circolare. Moda’

Prefazione di Claudio Marenzi

Creatività e qualità materiali. Gli accoppiamenti giudiziosi della moda di Marco Ricchetti

Scegliere fibre più sostenibili Il MADE-BY Benchmark di Christina Raab, Hannah Fell, Chiara Ferrero (MADE-BY)

1. Non rinnovabili

Le materie non rinnovabili: fibre sintetiche e metalli di Aurora Magni, Marco Ricchetti

Poliammide Il Gruppo Radici e il futuro delle fibre sintetiche – Aurora Magni

Polipropilene La sperimentazione del Maglificio Ripa – Aurora Magni

I metalli nella moda Giovanni Lanfranchi e le chiusure lampo eco-friendly – Aurora Magni

Le fibre elastomeriche Comfort e sostenibilità nei tessuti Sensitive® Fabrics di Eurojersey – Maria Chiara Laurenti

2. Rinnovabili

Fibre tessili da fonti rinnovabili di Aurora Magni, Marco Ricchetti

Kitotex® La sostenibilità attraverso l’innovazione del Gruppo Canepa – Marco Ricchetti

Sensazioni di carta Gli scarti alimentari, un ingrediente per la carta Favini nel packaging per la moda – Sergio Ferraris

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui