Home fiere A Milano Unica 31 si riparte: destinazione sostenibilità

A Milano Unica 31 si riparte: destinazione sostenibilità

210

UNITI PER RIPARTIRE è il messaggio che Milano Unica ha voluto trasmettere, dando vita alla prima fiera fisica in Italia dopo il lock down. Un messaggio che il sistema pare aver condiviso, con 207 aziende partecipanti e una vivace partecipazione di visitatori, nonostante la scala ridotta dell’evento.

Il secondo messaggio si coglie visitando come di consueto l’area trend: ormai TENDENZE E SOSTENIBILITÀ sono tutt’uno, come indica l’omonima area espositiva.

Ma al di là degli slogan, e  fatto salvo che in questa edizione il campione è meno significativo: 82 espositori/706 campioni vs. 150/1400+ campioni dell’edizione precedente, cosa ci dice più nello specifico l’analisi delle aziende e dei prodotti sostenibili di MU presenti nella Guida ai saloni?

  • le certificazioni sono molto utilizzate per supportare con elementi oggettivi le caratteristiche di sostenibilità dichiarate: in media, ogni prodotto campione presenta oltre 2 certificazioni
  • la chimica pulita si conferma al primo posto di tutte le classifiche, con il 77% dei campioni, l’83% delle imprese e i primi due posti tra le certificazioni – Oeko-tex 100 al 43% e conformità ZDHC 36% – confermandosi il requisito fondamentale di qualsiasi proposta sostenibile.

A seguire, la classifica degli attributi di sostenibilità vede nell’ordine:

  1. circolarità: materiali da riciclo 41% più fibre chimiche da processi closed-loop 7%, certificazione GRS al 23%
  2. materiali tradizionali a basso impatto: 25%, segno che la sostenibilità tende a fare sempre più tutt’uno anche in questo campo, integrando “tendenza” e “mainstream”
  3. biologico: 20% dei campioni, 44% imprese, certificazione GOTS al 18%, con una maturazione del concetto di biologico che va oltre l’origine dei materiali e si sviluppa lungo i processi, includendo quelli, più impattanti, delle nobilitazioni.
  4. materiali da foreste gestite responsabilmente: 14%
  5. fibre animali cruelty-free: 10%, la certificazione RSW segna un 5% alla sua prima apparizione
  6. fibre bio-based: 5%

Se vogliamo ripartire per andare da qualche parte, questa è la direzione.

Qui il comunicato stampa

Qui la Guida ai saloni

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui